.

Lega e PlA: Consiglio Valle bloccato dai dissidi di sinistre e maggioranza

'Gli interessati facciano finalmente chiarezza'

 

Con una nota congiunta i gruppi consiliari della Lega VdA e di Pour l'Autonomie si dicono «esterrefatti dallo svolgimento della seduta odierna del Consiglio regionale». Il riferimento è alla divisione del gruppo Progetto Civico Progressista i cui componenti sono al momento schierati in parte in maggioranza (cinque su sette membri) e in parte all'opposizione (due su sette).

«Dopo un anno di legislatura - si legge nella nota - in cui, come gruppi consiliari, abbiamo più volte evidenziato le diversità della maggioranza Lavevaz e dopo cinque lunghi mesi dalle dimissioni dell'assessore Chiara Minelli e del presidente della V Commissione Erika Guichardaz, non possiamo dirci eccessivamente stupiti» dall'uscita della maggioranza delle due consigliere Pcp. Oggi però le attività del Consiglio Valle «sono state bloccate a causa dei dissidi interni alle sinistre e alla maggioranza tutta. Dissidi che, oltre ad aver fatto perdere una giornata in cui potevano essere date risposte ai valdostani, impediscono il funzionamento dell’intera assise regionale nonché la validità dei provvedimenti amministrativi che la comunità attende».

Lunedì prossimo ci sarà un Consiglio straordinario. Nei prossimi giorni «auspichiamo che gli interessati facciano finalmente chiarezza - concludono Lega VdA e Pour l'Autonomie - cosicché il Consiglio, nonché le relative Commissioni, possano tornare a operare regolarmente e si possa tornare a lavorare seriamente per il bene della nostra Regione».

 

 

redazione

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2021 Aostaoggi.it