Conapo: Renzi accorpi i vigili del fuoco valdostani al Corpo nazionale

Il sindacato rilancia dopo le dichiarazioni di ieri di Rollandin - "L'83,6% del personale è d'accordo"

AOSTA. "In tempi di spending review riteniamo abominevole che l'Italia si possa ancora permettere di avere più Corpi dei Vigili del Fuoco, statali, regionali o provinciali. La strada obbligata deve essere la riunificazione del Corpo Valdostano dei Vigili del Fuoco nel Corpo Nazionale". Lo dichiara Antonio Brizzi, segretario generale del Conapo, all'indomani delle dichiarazioni del presidente della Regione in occasione delle celebrazioni per Santa Barbara. "L'83,6 % dei Vigili del Fuoco professionisti valdostani si è dichiarato favorevole a tornare sotto lo Stato. Il governo metta quindi subito in calendario questa riforma", afferma.

Proprio in risposta al presidente della Regione, che ieri ha difeso la regionalizzazione del 115, Brizzi aggiunge: "ci dispiace non aver sentito da Rollandin nessuna parola per risolvere il grave problema delle tutele previdenziali dei vigili del fuoco valdostani. Riteniamo anticostituzionale che la Valle d'Aosta non abbia mai esteso ai propri vigili del fuoco lo stesso trattamento pensionistico e le stesse tutele che i vigili del fuoco dello Stato hanno in caso di morte o inabilità a causa di operazioni di soccorso pubblico".

"Ci auguriamo - concludono i vertici nazionali del Conapo - che non ci sia bisogno di far scendere in piazza i Vigili del Fuoco Valdostani per ottenere la riunificazione e la parità di trattamento. Noi siamo pronti anche a questa battaglia".

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it