Alpe contro Pd e Uvp: «c'è fretta di occupare posti di governo»

 

Così il presidente Piero Floris dopo l'incontro con gli «ex alleati» Uvp e Pd

floris-pieroAOSTA. "La causa dell'allontanamento dei cittadini della politica è determinato anche dal fatto che spesso i partiti tradiscono il mandato dei loro elettori e spiegano questo tradimento come ricerca del bene comune mentre il più delle volte è l'interesse personale a prevalere". E' la riflessione pubblicata dal presidente di Alpe, Piero Floris, sul sito web del movimento politico.

"Tutto ciò - continua Floris - conferma che la politica è affare, l'opinione pubblica ne è cosciente e alla consultazione elettorale partecipa perciò solo chi da quel grande affare pensa di poter trarre qualche piccolo tornaconto personale. Gli altri ovviamente si astengono e così il voto di opinione che è il sale della democrazia rappresentativa tende ad estinguersi".

Il "galletto" oggi ha incontrato UVP e PD. Dopo il vertice Floris ha dichiarato che il suo movimento prende atto «del percorso che stanno intraprendendo i nostri ex alleati» con riferimento all'avvicinamento delle due forze politiche all'UV e alla Stella Alpina per la formazione di una nuova maggioranza. «Pensiamo che l'elezione al Comune di Aosta sarebbe stata fondamentale per gettare le basi per un'alternativa a questa regione e al sistema di governo» mentre «probabilmente c'è una fretta ad occupare posti di governo». «Per il rinnovamento - ironizza infine Floris - bisognerà aspettare il 2039, quando Rollandin avrà 90 anni e Milanesio 100».

 

Marco Camilli

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it