Trasporti, nel documento unitario dei sindacati rispunta il trenino Cogne-Pila

Ieri l'audizione in IV Commissione: "necessari finanziamenti certi"

Autobussix400AOSTA. "I trasporti in Valle d'Aosta devono essere un'opportunità e non un problema". Cgil, Cisl, Savt e Uil lo hanno scritto nel documento unitario presentato ieri in occasione dell'audizione in IV Commissione consiliare.
I sindacati hanno esaminato punto per punto le criticità del sistema dei trasporti in Valle, dalla ferrovia alla viabilità su gomma, elencando problematiche e possibili soluzioni.

"Sono necessari finanziamenti certi, di scopo e urgenti, ammodernando la linea che collega Piemonte e la Valle d'Aosta" si legge nel documento unitario. E ancora: "La Valle d'Aosta, con gli strumenti propri dell'autonomia, deve ancora gettare le basi per un rilancio del settore dei trasporti, coinvolgendo trasversalmente tutti gli attori del settore, con un nuovo Piano di Bacino di Traffico, un Piano Regionale dei Trasporti".

Nel documento unitario si torna poi a parlare dell "trenino" Cogne - Pila. I sindacati hanno chiesto anche di "riaprire il fascicolo della Cogne - Acque Fredde perché riteniamo che, i circa 30 milioni spesi, possono e devono essere valorizzati". L'idea di Cgil, Cisl, Savt e Uil è quella di realizzare un "itinerario di grande attrattività" che sfrutti, "se non fosse più possibile" l'opzione ferrovia, un "trasporto collettivo mirato, a chiamata, utilizzando ad esempio bus elettrici, mezzi a bassissima emissione".

 

Elena Giovinazzo

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it