Rollandin: in 5 anni da Corte dei Conti condanne a dirigenti regionali per 362mila euro

Le condanne legate a consulenze - «Non sono stati avviati provvedimenti disciplinari»

AOSTA. Sono sette i dirigenti della Regione che nell'ultimo quinquennio hanno subito condanne da parte della Corte dei Conti e le somme contestate e quantificate nelle sentenze ammontano a 362.123 Euro. Lo ha dichiarato in Consiglio regionale oggi il presidente della Regione, Augusto Rollandin, interpellato dal M5s sulla questione.

«Sono episodi da evitare - ha detto Rollandin -, ma limitati e risalenti quasi tutti ad un'unica fattispecie: l'affidamento di consulenze, oggi ampiamente superato dalle disposizioni normative introdotte nel frattempo».

Rispondendo all'interpellanza il presidente della Giunta ha spiegato che «non si è ritenuto di avviare provvedimenti disciplinari che suppongono la permanenza del danno» nei confronti dei dirigenti in questione «in considerazione del fatto che i danni sono stati risarciti integralmente o sono in corso di restituizione rateale». Le condanne non hanno influito neanche sui compensi perché la legge prevede una penalizzazione per casi che «non sono riconducibili alle responsabilità riconosciute ai dirigenti».

«Credo che la repressione sia compito di altre istituzioni» ha continuato Rollandin prima di aggiunge che «la dirigenza regionale è di un livello molto alto. Questo non significa che non ci sono dirigenti o altre figure che possono avere problemi, ma il tutto va considerto nell'insieme del funzionamento della pubblica amministrazione».

Critico nella replica il capogruppo del M5s, Stefano Ferrero, che ha ricordato alcuni progetti di promozione della legalità a cui la Regione affermando che sarebbe «meglio tagliare qualche nastro in meno e occuparsi di più della legalità in Regione tramite dirigenti e politici», ha dichiarato.

 

E.G.

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it