Approvata dal Consiglio regionale la proposta di legge sui segretari comunali

 

Uvp e Alpe hanno ritirato la firma - 21 i voti a favore

Municipio-maisonAOSTA. E' stata approvata dal Consiglio regionale della Valle d'Aosta questa mattina la proposta di legge sui servizi di segreteria nell'ambito delle nuove forme associate tra gli enti locali. Il testo, mirato a ridurre i costi, era stato presentato da Uv, Stella alpina, Pd-Svda, Uvp e Alpe, ma questi ultimi due gruppi hanno ritirato le firme. Alla fine il provvedimento è passato con 21 voti a favore e 14 astensioni.

La proposta stabilisce che tutti gli incarichi di segretario, quale che sia la durata originariamente prevista, cessino automaticamente con le imminenti elezioni del 10 maggio. Inoltre definisce il criterio per stabilire il numero massimo degli incarichi conferibili ai soggetti iscritti all'Albo regionale dei segretari comunali e determina il numero dei posti di segretario per i Comuni convenzionati stabilendo che, quando il numero dei segretari sia pari a due, almeno uno degli incarichi debba essere conferito a soggetti iscritti all'Albo ex parte prima, e demandando ai Comuni stessi l'adozione di appositi regolamenti per disciplinare la ripartizione delle competenze tra i segretari quando il numero sia pari a due. E' anche previsto che i segretari di ex parte prima, eventualmente collocati in disponibilità, siano prioritariamente utilizzati dall'Amministrazione regionale, dagli altri enti del comparto unico, dai loro enti strumentali e dalle società a partecipazione pubblica regionale e locale.

La proposta di legge è stato l'ultimo argomento trattato dal Consiglio che ha rinviato la seduta in sessione europea ed internazionale alla riunione del 20 e 21 maggio.

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it