REGIONALI   SPECIALE ELEZIONI  COMUNALI

Tributi locali propri, Rollandin apre a modifiche norma

 

La proposta dell'Uvp è volta a "copiare" quanto già fatto da altre autonomie speciali

AOSTA. Il presidente della Regione, Augusto Rollandin, apre alla possibilità di intervenire sull'articolo 9 del decreto legislativo n. 12/2011 per consentire alla Valle d'Aosta di disciplinare autonomamente i tributi propri locali, come già fanno le Province di Trento e Bolzano e il Friuli Venezia Giulia. «L'argomento merita tutta la nostra attenzione e l'apertura di un dibattito serio» ha affermato in Consiglio regionale rispondendo, in francese, alla proposta contenuta in una interrogazione dell'Uvp.

«La nostra iniziativa - aveva detto in precedenza il capogruppo dei progressisti Luigi Bertschy spiegando l'interrogazione - va nella direzione di permettere alla nostra Regione di disciplinare in piena autonomia i propri tributi locali. Non vogliamo ovviamente altri tributi, ma rendere più congrui e attuali quelli esistenti».

Rollandin ha rimarcato nella risposta che «la materia è complessa. E' necessario avviare un percorso condiviso per riuscire ad ottenere i risultati sperati».

Bertschy si è detto soddisfatto della risposta. «A nostro avviso -  ha deto -  possiamo andare fino in fondo riguardo alla modifica della norma di attuazione, in quanto il nostro Statuto all'articolo 12 ce lo consente, raggiungendo così gli scopi che ci stiamo prefissando».

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it