I consiglieri regionali di maggioranza si autoriducono le indennità del 10%

 

L'annuncio di Uv, Sa e Pd-Svda per "consolidare la fiducia nella politica e nelle istituzioni"

Consiglio-regionaleAOSTA. I consiglieri regionali di maggioranza si ridurranno le indennità dal 2016. I 21 eletti di Union Valdôtaine, Stella Alpina e PD-Sinistra VdA lo annunciano in un comunicato spiegando di ritenere necessario "dare un ulteriore segnale al fine di consolidare la fiducia nella politica e nelle Istituzioni" considerato "l'attuale difficile scenario economico e sociale".

La riduzione sarà del 10 per cento, riguarda le indennità di carica e di funzione e partirà dal 1° gennaio 2016.

"La progressiva compressione del bilancio regionale, imposta dalle politiche di spending review e dalla partecipazione al risanamento della spesa pubblica italiana, ha comportato una diminuzione delle risorse anche in settori di primaria importanza per la comunità valdostana, già colpita dalle difficoltà conseguenti alla crisi economica e finanziaria", scrivono i tre gruppi consiliari.

"L'Assemblea legislativa - ricordano - ha avviato un progressivo contenimento dei costi degli eletti in Consiglio regionale, mediante interventi radicali che, solo negli ultimi cinque anni, hanno generato un risparmio per le casse pubbliche di oltre otto milioni di euro. Solo a titolo d'esempio - aggiungono ancora Uv, Sa e Pd-Svda - la differenza tra quanto stanziato a tale scopo nel 2010 e nel 2014 è di oltre tre milioni di euro, con un abbattimento di oltre il 36%".

 

M.C.

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it