Trasporti in Valle d'Aosta e referendum, via libera a firme per 2 proposte di legge

 

Uno dei testi, su ferrovia e trasporti, potrebbe essere sottoposto a referendum propositivo nel 2017

AOSTA. Hanno ottenuto un primo via libera dal Consiglio regionale le due proposte di legge di iniziativa popolare presentate a luglio alla Segreteria generale in tema di ferrovia e trasporti e di legge sul referendum.

Le proposte sono sostenute rispettivamente da 7.143 e 6.486 firme già verificate e accettate. La prima, da sottoporre a referendum propositivo, "contiene disposizioni per una ferrovia moderna e un efficiente sistema pubblico integrato dei trasporti" e la seconda interviene "sulla disciplina dell'iniziativa legislativa popolare, del referendum propositivo, abrogativo e consultivo".

In una nota di commento all'ok alle firme l'Uvp, che spiega di aver partecipato al Comitato promotore, parla di "un primo importante successo per due questioni sulle quali Uvp non ha mai fatto venire meno la propria attenzione. La proposta inerente i trasporti in particolare ha di fatto trainato l'attenzione dei cittadini di per sé già molto sensibili sulle questioni del trasporto pubblico locale, negli ultimi anni particolarmente inefficiente, e della chiusura della tratta ferroviaria dell'Aosta-Pré-Saint-Didier".

L'attuale normativa prevede che le due proposte siano portate in Consiglio regionale entro un determinato lasso di tempo. Le Commissioni avranno 60 giorni per esprimere un parere ed il Consiglio dovrà deliberare entro altri 60 giorni. L'Assemblea potrà approvare le proposte, o quantomeno recepirne i principi ispiratori, altrimenti per uno dei due testi la parola passerà ai valdostani.

L'eventuale referendum propositivo su ferrovia e trasporti dovrebbe svolgersi tra la primavera e l'estate 2017, indicativamente tra inizio maggio e fine giugno.

 

Clara Rossi

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it