.

Allarme dell'Arpa per un'alga aliena invasiva nei torrenti della Valle d'Aosta

Le fioriture massicce dell'alga sono un pericolo per l'ecosistema acquatico e secondo alcuni studi la sua proliferazione può essere collegata alle opere di regimazione dei corsi d'acqua


È denominata Didymosphenia geminata l'alga aliena trovata nei torrenti della Valle d'Aosta dall'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente. Si tratta di un'alga invasiva e potenzialmente pericolosa per l'ecosistema acquatico perché è in grado di "soffocare" i corsi d'acqua ricoprendone completamente la superficie.

Alga alienafioritura della Didymosphenia geminata nel torrente Lys (Arpa VdA)

L'alga aliena è presente da tempo nei torrenti della Valle d'Aosta, ma in scarsa quantità. In un campionamento effettuato lo scorso 13 luglio sul torrente Lys però l'Arpa ha riscontrato «una massiccia "fioritura"».  

Le fioriture di Didymosphenia geminata non sono un rischio per la salute umana, spiega l'Arpa, tuttavia «sono in grado di danneggiare persistentemente le comunità animali e vegetali degli ecosistemi acquatici. Questi ammassi diffusi, infatti, rendono inospitale il substrato fluviale per gli organismi macrobentonici, cioè quegli organismi che vivono in stretto contatto con il fondo del corso d'acqua, e per gli organismi vegetali, ai quali viene sottratta la luce necessaria per la sintesi clorofilliana».

L'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente spiega che le cause scatenanti delle fioriture improvvise non sono per il momento note, ma qualche ipotesi esiste. «Sempre più studi - spiega il report Arpa - affermano che la massiccia proliferazione di Didymosphenia sia correlata ad una bassa concentrazione di nutrienti (in particolare il fosforo), elevata luminosità e bassa velocità della corrente e profondità dell'acqua. Inoltre, per alcuni autori la recente espansione di questa diatomea può essere messa in relazione anche alla diffusione delle opere di regimazione dei corsi d'acqua».

Secondo l'Arpa Valle d'Aosta andrebbero seguiti alcuni accorgimenti utili per evitare la proliferazione dell'alga invasiva nei torrenti. I consigli sono mirati in particolare a pescatori e a coloro che lavorano in alveo e sono: pulire gli stivali dai residui di sedimento e alghe, lavare l'attrezzatura e lasciarla in ammollo in soluzione detergente o, in alternativa, lasciare asciugare l'attrezzatura e attendere almeno 48 ore prima di riutilizzarla in un altro corso d'acqua.

 

 

Elena Giovinazzo

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2022 Aostaoggi.it