Coronavirus: la Valle d'Aosta a livello della Lombardia per numero di contagi rispetto alla popolazione

Pin It

Il coordinatore dell'emergenza: i contagi legati all'afflusso di turisti dal Nord Italia

 

sciatoriAOSTA. Come numero di casi di Covid-19 in rapporto alla popolazione la Valle d'Aosta è allo stesso livello della Lombardia. Lo ha confermato il neo coordinatore dell'emergenza sanitaria, Luca Montagnani.

«In proporzione alla popolazione abbiamo raggiunto numeri paragonabili alla Lombardia sia in termini di casi positivi sia in termini di tamponi eseguiti», ha spiegato questa sera in conferenza stampa. Aggiungendo: «è un dato preoccupante».

Da lunedì ad oggi, mercoledì, il numero di persone positive al Covid-19 ha subito una crescita repentina: + 60 per cento. C'è inoltre da considerare che lunedì i tamponi in attesa di risultato erano 50 mentre nell'ultimo bollettino ne sono indicati ben 180. Le positività sono chiaramente destinate ad aumentare rapidamente - e lo ha confermato anche l'Unità di crisi.

Dai canali ufficiali fino ad oggi non era ancora arrivata una spiegazione sul motivo di un numero così elevato di casi in rapporto alla popolazione. Questa sera invece il coordinatore Luca Montagnani ha dato una semi ufficialità ad una considerazione che, in realtà, era già sulla bocca di tutti. L'alto numero di casi è «dovuto probabilmente al fatto che siamo una regione turistica e che riceviamo l'affluenza di popolazione da tutta Italia, ma soprattutto dal Nord Italia. Il focus di contagio penso sia stato quello».

«Non lo posso confermare - ha voluto precisare il dottor Montagnani -, ma è facilmente immaginabile. Anche perché la Lombardia, come sapete, è stata la prima Regione ad avere i casi più importante».

 

 

Clara Rossi

 

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini /  Direttore editoriale Marco Camilli  /  Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005  /  P.IVA 01000080075
© 2020 Aostaoggi.it