Scuola, l'assessore Certan incontra i precari. "Confronto proficuo"

 

scuolaAOSTA. Si è svolto mercoledì un incontro tra una delegazione dei docenti precari valdostani e l'assessore regionale all'istruzione Chantal Certan. Il confronto è stato "proficuo e serrato", riferisce l'assessorato, e i temi emersi sono stati riportati alla IX Commissione della Conferenza delle Regioni che si occupa di istruzione, lavoro, innovazione e ricerca. 

Sulle assunzioni a tempo indeterminato del personale docente regionale, l'assessore Certan spiega: le procedure "sono disposte ordinariamente a copertura di tutti i posti vacanti, attingendo, ovviamente, dalle graduatorie utili per le assunzioni in ruolo. Nel corso degli ultimi anni sono state bandite diverse procedure concorsuali nel settore scolastico - nel 2012, nel 2016 e nel 2018 - e sono state disposte annualmente le assunzioni a tempo indeterminato per la copertura dei posti vacanti attingendo da tali graduatorie". Di conseguenza "le uniche supplenze annuali su posti vacanti sono conferite o per mancanza di candidati idonei nelle graduatorie utili per assumere in ruolo o perché i posti non rivestono stabilità sul triennio".

La richiesta di un concorso autonomo regionale arrivata da alcuni docenti precari non può essere soddisfatta senza che avvenga prima la regionalizzazione del corpo del ruolo insegnanti. "È una strada che si può anche intraprendere, non appena sarà possibile, ma ovviamente con la condivisione della categoria", sottolinea l'assessore.

Le procedure previste nel 2020 permetteranno di coprire i posti vacanti negli organici regionali oggi e nei prossimi anni. "Occorre comunque ricordare - riprende Certan - che il settore scolastico è caratterizzato anche da un precariato fisiologico derivante dalla necessità di assumere docenti a tempo determinato per la copertura di posti che non sono vacanti, ma che sono disponibili per l'intero anno scolastico per effetto di situazioni particolari (part-time, distacchi, mobilità annuale dei docenti di ruolo, etc.) o per sostituire docenti che si assentano temporaneamente nel corso dell'anno scolastico (malattia, congedi tutela della maternità, etc.)".

 

Clara Rossi

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it