AAA cercasi candidato per elezioni a settembre

 

AOSTA. A settembre dovremmo recarci alle urne per eleggere il nuovo Consiglio regionale e i Consigli di molti Comuni. Fino a qualche anno fa nei periodi di pre campagna elettorale si assisteva alla migrazione di un popolo di aspiranti consiglieri che bussavano alle porte dei partiti e dei movimenti per chiedere di avere un posto in lista. Oggi nessuno bussa più. Nemmeno alle porte virtuali di quei movimenti che si affidano all'on line.

trilussa

Cosa sta accadendo? In Italia la disaffezione alla politica è un triste male cronico, che la casta ha sapientemente gestito per rimanere il più possibile al potere. In Valle d'Aosta c'è anche di peggio: oltre alla disaffezione, anche qui gestita sapientemente dai vecchi e anacronistici membri del Gotha politico valdostano, tra i confini regionali c'è una quasi repulsione verso le istituzioni in alcuni casi (non tutti, è bene sottolinearlo) compromesse da inchieste giudiziarie.

Quella che una volta era una "isola felice" sembra essere diventata la terra di conquista di cosche e malaffare. E così giovani e volenterosi si guardano bene dall'accostare il loro volto, la loro coscienza e la loro intelligenza a personaggi che hanno perso la faccia di fronte all'elettorato.

In questi mesi di dolorosa pandemia i politici di razza hanno ravvivato il gioco del cambio casacche e "dell'inventiamo un nuovo partito?". Tutto per illudersi che il popolo valdostano, vedendo movimenti che di rinnovato hanno solo il nome o assistendo al cambio di casacca, possa pensare che c'è del nuovo in Valle d'Aosta. Ma è solo una effimera illusione che si scontra con l'amara realtà: alle prossime elezioni ritroveremo in lista molte di quelle persone che ci hanno portato, senza vergogna, a questo momento storico in cui individui inquisiti e protagonisti di intercettazioni telefoniche agghiaccianti decidono le sorti della Valle d'Aosta.

Per formare le liste però i politici di razza non bastano. I partiti e i movimenti dovranno trovare volti e nomi da mettere in lista, persone coraggiose con buone idee disposte a "metterci la faccia", come si suol dire. Qualcuno riuscirà a individuare e proporre agli elettori persone capaci. E gli altri? Nessun problema: a giudicare da quanto visto finora qualche candidato lo si riesce sempre a trovare, in un modo o nell'altro.

 

Marco Camilli

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it