.

Valle d'Aosta in arancione dal 26 aprile. La nuova ordinanza

Spostamenti su tutto il territorio regionale e didattica in presenza al 70% almeno

 

 dehorsAOSTA. Da lunedì 26 aprile la Valle d'Aosta torna zona arancione. Confermato il miglioramento della situazione dei contagi che nella settimana dal 12 al 18 aprile, quella presa in considerazione per il più recente monitoraggio della Cabina di regia. 

Con 329 casi segnalati nel periodo in questione, per la Valle d'Aosta la stima dell'Rt puntuale passa a 0.94 (valore medio in una forbice da 0.85 a 1.03) e la valutazione di impatto a "moderata". Anche la classificazione complessiva di rischio è "moderata" e la valutazione generale è compatibile con uno scenario di trasmissione di tipo 1.

Sabato 24 aprile il presidente della Regione Erik Lavevaz ha firmato la nuova ordinanza sulla zona arancione valida fino al 10 maggio 2021. Ecco le disposizioni per il territorio regionale.

Spostamenti

Gli spostamenti sono possibili sull'intero territorio regionale nella fascia oraria dalle 5 alle 22, di notte rimane il coprifuoco con possibilità di muoversi solo per motivi di lavoro, di necessità o di salute da indicare nell'autodichiarazione sugli spostamenti.

Vendita al dettaglio

Le attività commerciali al dettaglio devono rispettare le misure anti contagio: ingressi dilazionati, distanze interpersonali di almeno un metro, uso delle mascherine e dei gel per la disinfezione delle mani, cartelli che indichino il numero massimo di persone consentite all'interno dei locali e accesso permesso ad un solo componente per nucleo familiare tranne nei casi di bambini o persone con disabilità.

Ristorazione

Rimangono in vigore le limitazioni dei Dpcm con possibilità solo di asporto o consegna a domicilio per bar, ristoranti, pasticcerie e le altre attività del settore della ristorazione. Fanno eccezione i servizi di mensa e catering per le imprese dei cantieri. Inoltre resta valida la possibilità per gli alberghi senza ristorante di attivare convenzioni con locali del territorio per i propri ospiti, i quali potranno cenare nelle strutture fino alle ore 22..

Scuola

Dal 26 aprile almeno il 70% degli studenti delle scuole superiori svolge attività didattica in presenza. Le istituzioni scolastiche dovranno adottare forme flessibili di organizzazione dell'attività scolastica seguendo le disposizioni della Sovrintendenza agli studi.
I percorsi di istruzione per adulti si svolgono a distanza su richiesta motivata dagli interessati e l'attività formativa nella casa circondariale di Brissogne si svolge nel rispetto dei protocolli di contenimento del Covid-19.

Sport

Palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e termali possono effettuare attività motoria di carattere socio-assistenziale per persone con disabilità ed erogare prestazioni che rientrano nei Lea, Livelli essenziali di assistenza.

 

Marco Camilli
(aggiornato)

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it