.

Sospese le Batailles de Reines: non piace l'obbligo del tampone

Il direttivo degli Amis de Batailles contro l'ordinanza regionale sulla zona arancione: "La rassegna va considerata attività produttiva"

 

Batailles de ReinesAOSTA. Nonostante il via libera dell', le Batailles de Reines rimangono sospese. La decisione di fermare le eliminatorie primaverili arriva dall'associazione Amis des Batailles, del tutto contraria all'obbligo per gli allevatori del tampone Covid negativo (o dei certificati di avvenuta guarigione o vaccinazione).

"Di questa ipotesi, in mesi di interlocuzione, non se ne è mai parlato, correttamente a nostro avviso", dice l'associazione dei combats. "Prevedere un protocollo da attività sportiva (tampone preventivo) alle Batailles de Reines è formalmente non corretto, perché giustamente non siamo classificati come attività sportiva di interesse nazionale, altrimenti avremmo potuto svolgere attività anche in zona rossa". La rassegna anzi "deve essere considerata e deve trovare un adeguato collocamento tra le attività produttive" in quanto "non è solo tradizione e valorizzazione del mondo agricolo valdostano, aspetto queste che forse è noto ai più. L'attività delle Batailles de Reines è importante soprattutto dal punto di vista economico-produttivo".

"Riteniamo che l'ordinanza", prosegue l'associazione presieduta da Roberto Bonin, "vanifichi totalmente il percorso intrapreso a gennaio e che ha portato alla stesura condivisa del Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento delal diffusione del Covid-19". 

"In un contesto nel quale anche le autorità giudiziarie e politiche non riescono ad imporre alla cittadinanza - come a nostro avviso dovrebbe essere - un giusto senso civico orientato al rispetto del prossimo, ad esempio impedendo manifestazioni spontanee organizzate in barba ai divieti che da lungo tempo, con responsabilità, sono dai più rispettati", il direttivo dell'association "non intende imporre agli allevatoril’obbligo di effettuare un tampone, che potrebbe anche fortemente condizionare la propria attività personale (conduzione dell’azienda), per poter partecipare alle Batailles de Reines. Questa condizione “di obbligo” porterebbe inevitabilmente a compromettere la partecipazione e a vanificare l’organizzazione, dispendiosa, delle singole eliminatorie".

Il direttivo quindi annuncia "a malincuore" e "nonostante l'impegno profuso in questi mesi" che "l'attività dell'Association è al momento sospesa, quindi le eliminatorie primaverili non avranno luogo".

 

 

E.G.

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it