.

Concluso il concorso di progettazione per i convitti di Aosta e Verrès

Il convitto aostano si amplierà con il recupero dell'ex priorato di Saint Bénin

 

ex Saint-Benin

È giunto a conclusione il concorso di progettazione per il recupero dell'ex priorato e collegio Saint-Bénin di Aosta. Lo storico edificio di via Festaz da tempo abbandonato sarà ristrutturato e adattato per ospitare alcuni servizi dell'attiguo convitto regionale Federico Chabod, che potrà così ampliarsi.

Del progetto di ristrutturazione dell'ex priorato in Regione si parla da diversi anni. Finora, oltre agli annunci, era accaduto ben poco. Adesso che il concorso di progettazione è giunto a conclusione il futuro della struttura è delineato con maggiore precisione. L'edificio disporrà al piano terreno e al primo piano delle aule didattiche per i bambini della scuola primaria e di un salone per le attività di gruppo. Grazie al recupero del sottotetto saranno ricavati spazi polivalenti che gli studenti della scuola secondaria potranno utilizzare per studiare e per altre attività. L'area verde inoltre sarà sistemata e attrezzata. Con i nuovi spazi resi disponibili dalla ristrutturazione il convitto F. Chabod potrà aumentare la capienza.

L'intervento andrà anche a beneficio del centro espositivo Saint-Bénin. I lavori prevedono lo spostamento dell'accesso alla sede culturale e il ripristino dell'ingresso originale dall'ex sagrato da via Festaz.

Nuovo convitto a Verrès

In parallelo con i piani per l'ex priorato aostano, per la bassa Valle è pronta la progettazione del nuovo convitto che avrà sede nella "dépendance" dell'ex cotonificio Brambilla di Verrès, in via Frère Gilles, e sarà a disposizione degli studenti della bassa Valle.

Le camere, la sala da pranzo, le zone ricreative e gli altri spazi della struttura saranno ricavati dalla sistemazione degli spazi interni. Più in generale l'intervento assicurerà la conservazione degli elementi di pregio dello storico fabbricato, ma allo stesso tempo sarà caratterizzato dall'uso di materiali naturali e riciclati e dall'attenzione alle prestazioni energetiche.

 


Clara Rossi

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it