.

Incontro tra Lavevaz e sindacati sui controlli per il green pass in Regione

Controlli a campione nelle sedi in cui manca un addetto all'accoglienza; regole valide anche per fornitori e visitatori

 

Palazzo regionale

Dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021 anche nelle sedi dell’Amministrazione regionale entrerà in vigore l’obbligo del Green pass. Così il presidente della Regione Erik Lavevaz ha illustrato oggi alle organizzazioni sindacali la bozza di documento riguardante le modalità operative per le verifiche del possesso della certificazione verde.

Innanzitutto si differenzierà il controllo in base alle tipologie delle sedi di lavoro. Lo smartphone o tablet sarà utilizzato nelle sedi ordinariamente presidiate all’ingresso da addetti al controllo. Nelle sedi che non dispongono invece di un addetto all’accoglienza e in ogni altra sede dislocata al di fuori di edifici, la verifica avverrà a campione mediante visite del dirigente responsabile, o di un suo delegato, in giorni e orari non prestabiliti. La cadenza di queste verifiche sarà giornaliera.

Le modalità operative proposte individuano i soggetti responsabili delle verifiche, degli accertamenti e delle eventuali contestazioni, le procedure da seguire e gli atti da adottare, sulla base di modelli standardizzati, nel caso in cui dalla verifica risulti l’inottemperanza degli obblighi di legge, garantendo così uniformità e omogeneità nell’operato di tutti i soggetti coinvolti nell’applicazione delle disposizioni.

Tutte le disposizioni concordate dalla conferenza dei coordinatore sono state approvate dalla Giunta regionale a seguito delle linee guida nazionali e si applicheranno ai dipendenti della Regione e a tutti i soggetti che accedono alle sedi dell’Amministrazione regionale per lo svolgimento di qualsiasi attività diversa dalla fruizione dei servizi erogati dall’ente, compresi, pertanto, i visitatori, le autorità pubbliche e politiche, i fornitori, i collaboratori, i prestatori di servizi e i frequentatori di corsi di formazione.

 


Veronica Pederzolli

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it