Addio a Ida Désandré, sopravvissuta ai lager nazisti

«Ida Desandré rappresentava una vera e propria testimonianza della guerra e di tutte le ingiustizie e i soprusi che sempre la accompagnano», dice il presidente della Regione Antonio Fosson. «Una donna che senza esitazione partecipò, insieme al marito Giovanni Contardo, alla Resistenza, e per questo motivo, una volta catturata, conobbe il dramma dei campi di concentramento, Ravensbrück, poi Salzgitte e infine Bergen Belsen, dove fu liberata il 15 aprile 1945. E forse, il grande merito di Ida iniziò proprio dal momento in cui cominciò a raccontare la sua storia e a testimoniare la sua deportazione davanti a tanti studenti delle scuole, a tanti cittadini valdostani. Nel 1976 rilasciò la sua prima intervista».

Il Consiglio regionale ieri ha osservato un minuto di silenzio. «Oggi - ha affermato la presidente del Consiglio regionale Emily Rini - la Valle d'Aosta perde uno dei grandi interpreti della sua storia contemporanea. Ida Désandré e il suo insegnamento di vita rimarranno per sempre nei nostri cuori».

Nel 2007 Désandré fu insignita dell'onorificenza di Chevalier de l'Autonomie. Ricevette anche la Medaglia d'Onore della presidenza della Repubblica.



 

redazione

 

 

 




Pin It
© 2020 Aostaoggi.it