Estorsione e intralcio alla giustizia: assolti tre fratelli di Aosta

Il processo riguardava Valentino, Enrico e Guido Rodà


Tribunale di AostaAOSTA. Tre fratelli di Aosta a processo per estorsione e intralcio alla giustizia sono stati assolti dal gup Davide Paladino perché il fatto non sussiste. 

Gli imputati erano Valentino, Enrico e Guido Rodà, rispettivamente di 52, 54 e 56 anni.

Valentino Rodà era accusato di estorsione continuata: secondo la tesi dell'accusa aveva costretto un commerciante a farsi carico di un mutuo per l'acquisto di un capannone da 180.000 euro, un carrozziere a pagargli il noleggio dell'auto e un gommista a fornirgli gratuitamente alcuni pneumatici.

Per Enrico e Guido l'accusa era diversa: intralcio alla giustizia. Prima di un'udienza del processo a carico del fratello minore secondo l'accusa avevano cercato di intimidire dei testimoni davanti al palazzo di giustizia costringendo gli addetti del servizio di vigilanza ad intervenire.

 

 

Marco Camilli

 

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it