Bimba morta in ospedale, ipotesi di complicazioni da influenza

La procura di Aosta venerdì affiderà l'incarico per l'autopsia

 

Tribunale di Aosta

AOSTA. La procura di Aosta affiderà domani, venerdì, l'incarico per svolgere l'autopsia sul corpicino di Valentina Chapellu, la bimba di 17 mesi morta all'ospedale Regina Margherita di Torino lo scorso lunedì.

L'esame, che sarà eseguito dall'esperto anatomopatologo Giovanni Botta, dovrà stabilire le cause della morte della bimba che per quattro volte era stata visitata dai pediatri dell'ospedale Beauregard ad Aosta perché aveva la febbre e difficoltà respiratorie ed ogni volta era stata dimessa e rimandata a casa fino a quando le sue condizioni non si sono aggravate a tal punto da dover ricorrere al ricovero in Rianimazione nel nosocomio torinese, che però non è bastato a salvarle la vita.

Una delle ipotesi, ancora tutta da verificare, è che il decesso sia stato causato da complicazioni dovute all'influenza. I medici del Regina Margherita hanno isolato il virus (assolutamente non collegato al nuovo Coronavirus) durante il ricovero.

Gli esiti dell'autopsia saranno fondamentali per l'indagine avviata dalla procura per omicidio colposo nei confronti di quattro pediatri dell'Azienda Usl valdostana, Marco Aicardi, Catherine Bertone, Adriana Bobbio e Manuela Ciocchini.

 

 

Marco Camilli

 

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it