Tribunale dei minorenni del Piemonte sconfessa l'Usl Valle d'Aosta

Coppia di Aosta riottiene la potestà genitoriale del figlio disabile. ll Tribunale: sui genitori 'critiche senza riscontro'

 

tribunaleAOSTA. Il Tribunale per i minorenni del Piemonte e della Valle d'Aosta ha restituito la totale responsabilità genitoriale ad una coppia di Aosta con un figlio gravemente disabile.

Al padre Patrick Creux e alla madre Agnieska Stowieska, fondatori della Casa di Sabbia onlus, era stata contestata una presunta incapacità di prendersi cura del bambino di 5 anni. Lo scorso autunno la coppia aveva chiesto degli approfondimenti specialistici su un intervento invasivo proposto dal pediatra di libera scelta (la sostituzione di un sondino naso-gastrico per la nutrizione con una sonda). Per poter effettuare l'intervento anche senza la loro autorizzazione, l'Usl valdostana si era rivolta alla procura presso il Tribunale dei minorenni di Torino chiedendo di limitare la potestà.

 Il Tribunale dei minori, revocando gli atti (nel frattempo già sospesi) nei confronti della coppia, rileva oggi come "la successiva attività ha dimostrato la competenza e dedizione con cui i due genitori si prendono cura dei figli, riuscendo a fronteggiare anche le tristi difficoltà espresse dalla malattia".

Il Tribunale allo stesso tempo solleva "dubbi" sulla "segnalazione relativa alla loro inadeguatezza, basate su critiche che non hanno trovato alcun riscontro".

La coppia in passato aveva promosso un'altra battaglia legale, contro la Regione Valle d'Aosta davanti al Tar, per assicurare al figlio un "progetto di vita individuale" adeguato alle sue disabilità. Sulla sentenza del gennaio 2019 pende un ricorso per ottemperanza.

 

Marco Camilli

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it