.

Mazzette all'obitorio di Aosta, due patteggiamenti e una condanna

Sotto accusa due dipendenti dell'obitorio e il socio di un'impresa di onoranze funebri

 

Tribunale di AostaAOSTA. Si conclude con due patteggiamenti e una condanna il rito abbreviato per gli imputati nell'inchiesta su un presunto giro di mazzette all'obitorio di Aosta. Sotto accusa due necrofori dell'ospedale regionale e il socio di un'impresa di onoranze funebri.

Quest'ultimo, Ennio Max Carlo Theodule di Nus, ha patteggiato un anno e undici mesi di reclusione per istigazione alla corruzione e per corruzione per un atto contrario ai doveri d'ufficio. Secondo le accuse in un paio di occasioni aveva dato "circa 200/300 euro" ad un necroforo dell'ospedale regionale, Valter Chenal, per avvicinare i parenti di persone decedute e ottenere l'incarico di organizzare i funerali. Chenal, accusato di atto contrario ai doveri d'ufficio, è stato condannato con rito abbreviato a un anno e dieci mesi.

Ha inoltre patteggiato un anno e dieci mesi un secondo dipendente dell'obitorio, Michel Agostino, che ha rifiutato la proposta di Theodule ma è stato accusato di spaccio di cocaina anche durante il turno di lavoro e di assenteismo (in quattro occasioni nel corso dell'estate 2019).

 

 

M.C.

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it