.

Maltempo in montagna, morte due alpiniste sul Monte Rosa

Erano rimaste bloccate a 4mila metri di quota insieme a un terzo alpinista sopravvissuto alle condizioni proibitive. Altro recupero sul Gran Paradiso

 

Elisoccorso

Due alpiniste sono morte e un terzo è in ospedale in stato di ipotermia dopo ore trascorse in condizioni meteo estreme sul Monte Rosa, a 4.150 metri di quota. Il gruppetto è stato raggiunto nella notte tra sabato e domenica dai soccorritori, ma ormai per le due donne non c'era ormai più nulla da fare.

Il complicato intervento di soccorso e recupero è iniziato nel pomeriggio di sabato quando i tre, tutti italiani, ha segnalato di essere rimasti bloccati sul Cristo delle Vette. Poi i contatti con loro si sono interrotti.

A causa delle condizioni meteo difficili, del buio e del forte vento la missione di recupero del Soccorso Alpino Valdostano si è svolta prevalentemente via terra con il rifugio Mantova usato come base, gli impianti della MonterosaSki attivati per permettere ai soccorritori di operare e il supporto dei carabinieri di Gressoney.

Una prima ricerca dei tre ha dato esito negativo e i soccorritori sono dovuti rientrare per via della bufera che imperversava il quota. Solo in seguito gli alpinisti sono riusciti a segnalare alla Centrale Unica del Soccorso di trovarsi nella zona della Pyramide Vincent. Le ricerche si sono quindi riattivate e sono giunte a conclusione proprio sotto la Pyramide Vincent, a quota 4.150 metri.

Il Soccorso Alpino Valdostano, i finanzieri del Sagf e i soccorritori di Alagna hanno portato i tre al rifugio Mantova. Solo in tarda notte, grazie alle condizioni meteo un po' migliorate, l'elicottero dell'Air Zermatt è potuto arrivare al rifugio.

Le due alpiniste, sopraffatte dalle condizioni proibitive in quota, sono morte per ipotermia. Inutili i tentativi di rianimarle. L'uomo invece è riuscito a resistere pur riportando segni di ipotermia e congelamenti. È stato portato in ospedale in Svizzera e le sue condizioni non sembrano gravi.

Le vittime sono Martina Svilpo, 29 anni, residente a Crevoladossola (Verbania), e Paola Viscardi, 28 anni, residente a Trontano (Verbania). L'alpinista è Valerio Zonna, 27 anni, di Pettenasco (Novara)

Altro recupero sul Gran Paradiso

Sempre sabato pomeriggio il Sav è intervento anche sul Gran Paradiso. Due alpinisti si sono trovati in difficoltà lungo la traversata tra il Piccolo San Bernardo e il Gran Paradiso a causa del maltempo. La squadra dei tecnici li ha raggiunti via terra e a quota 3.500 metri i due sono stati evacuati con l'uso dell'elicottero. Entrambi sono in buone condizioni e non hanno avuto bisogno di cure.

 

 

Marco Camilli

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it