Furti di rame a Gressan, cinque arresti e tre tonnellate di materiale recuperate - VIDEO

 

L'operazione della Squadra mobile di Aosta e della Forestale è stata battezzata "Oro Rosso 2"

 

AOSTA. Sono accusati di furto di rame aggravato i cinque uomini fermati all'alba di oggi dalla Squadra mobile di Aosta e dal Corpo forestale valdostano a Gressan, nei pressi del cantiere della Pila Spa di Acque Fredde.

L'operazione che ha portato al loro arresto, battezzata Oro Rosso 2, rappresenta l'apice di una attività di controllo che ha impegnato per diverso tempo gli uomini della questura di Aosta coordinati dal pm Pasquale Longarini.

2x300Da tre mesi la Squadra mobile ha concentrato le indagini sui molti furti di rame subiti in particolare dalla Pila Spa e nell'ultimo mese, a partire dallo sventato furto di 2 tonnellate di materiale lo scorso settembre sempre ad Acque Fredde, l'attività si è intensificata con monitoraggi costanti, 24 ore su 24, nella zona del cantiere da parte dei 20 uomini della Mobile. «Eravamo sicuri che sarebbero tornati» ha detto il sostituto commissario Flavio Martina in conferenza stampa assieme al capo della Mobile Nicola Donadio. E così è stato.

Alle 21 di ieri sera gli agenti sul posto hanno avvertito dell'arrivo di due auto e di un furgone e l'operazione ha preso il via: i poliziotti hanno atteso che la banda terminasse il furto (in tutto 3 tonnellate di materiale) e che le due auto civetta dei ladri ripartissero per bloccarli appena sotto il cantiere. Uno dei ladri ha speronato un'auto della polizia ed è scappato lungo la scarpata sotto la strada, ma è stato bloccato poco dopo dalla Forestale. Gli altri quattro ladri sono stati invece arrestat in flagrante, mentre una sesta persona è probabilmente riuscita a scappare a piedi dirigendosi a monte del cantiere ed è tutt'ora ricercata.

Gli arrestati sono rumeni, hanno precedenti specifici anche recenti e per due di essi (responsabili dello speronamento) è stata formulata anche l'accusa di resistenza. Si tratta di Cristen Constantin, 26 anni; Ioan Calderas, 43 anni; Ion Bordean, 51; Dumitru Varga, 42; Nicolae Apostol, 41.

Quello dei furti di rame è «un fenomeno abbastanza preoccupante» ha detto Donadio spiegando che a proposito dell'operazione Oro Rosso 2 ci sono ancora degli accertamenti in corso. I ladri provengono da fuori Valle e non è escluso che possano essere responsabili di altri furti di rame compiuti in Valle d'Aosta, incluso quello al cimitero del Villair di Quart. Un'ipotesi su cui gli inquirenti hanno preferito non sbilanciarsi per ora aggiungendo comunque che «a breve potrebbero esserci ulteriori sviluppi».

 

Elena Giovinazzo

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it