Breuil Cervinia, amministratore si intasca i soldi degli affitti e litiga con i soci: quattro denunce

 

L'amministratore è accusato di appropriazione indebita, i soci (tra cui due suoi fratelli) di furto in abitazione

 

AOSTA. Quattro persone sono state denunciate dai carabinieri della stazione di Breuil Cervinia durante alcune indagini che hanno coinvolto una società che si occupa di locazioni immobiliari.

Tutto sarebbe iniziato dall'ormai ex amministratore unico della società, C.M., accusato di essersi fatto pagare sul proprio conto corrente i canoni di locazione da diversi affittuari, appropriandosi indebitamente di oltre 30 mila Euro. Quando tre soci - tra cui due suoi fratelli, G.M. e M.M., e un amico di vecchia data, T.S. - sono venuti a conoscenza del fatto, hanno deciso di attivarsi esercitando arbitrariamente le proprie ragioni (una delle accuse formulate).

Con l'intento di "vendicarsi" i tre, riferiscono i carabinieri, lo scorso agosto si sono introdotti all'interno dell'abitazione societaria, ma in uso privata dell'amministratore unico decaduto pochi giorni prima dalla carica, per impossessarsi dei documenti societari. I soci avrebbero sottratto anche alcuni oggetti personali dell'ex amministratore e della moglie e cambiato serratura. Sono stati quindi accusati anche di furto in abitazione.

L'attività d'indagine, confermano i militari dell'Arma, ha avuto origine proprio dai litigi intercorsi tra le parti e successive denunce querele dagli stessi ex soci. 

 

Marco Camilli

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it