Una Ferrari, armi e documenti di Chaplin tra i numerosi sequestri della Gdf al Gran San Bernardo

Nel corso del 2022 sequestrata anche valuta per 700mila euro, auto e moto da corsa e droga

 

Ferrari Spider

Armi, preziosi, documenti storici, denaro contante, una supercar rosso fiammante e anche un po' di droga: raggruppando tutti gli oggetti sequestrati nel corso del 2022 dalla Guardia di finanza e dei funzionari dell'Agenzia delle Dogane al Gran San Bernardo si creerebbe un vero e proprio bazar con articoli per tutti i gusti.

I finanzieri in servizio alla dogana tra Italia e Svizzera si sono trovati a controllare e sequestrare oggetti di tutti i generi. Droga (in tutto mezzo chilo tra marijuana, hashish e altre sostanze illecite) e valuta per circa 700mila euro, ma anche armi come una katana, un taser, un machete. E poi orologi, alcuni di lusso e altri "taroccati", moto per gare di motociclismo e un'auto per gare di automobilismo sprovviste documentazione doganale richiesta. 

Dai controlli alla dogana sono spuntati dei documenti appartenenti alla famiglia di Charlie Chaplin, 52 libri (alcuni dei quali stampati più di un secolo fa) che risultavano far parte di una biblioteca privata e che venivano portati fuori dal territorio italiano senza autorizzazione. Anche il quadro di un artista ancora in vita sprovvisto di documentazione è stato sequestrato.

Tra i sequestri più eclatanti tuttavia ci sono i circa 140mila euro in contanti che un cittadino italiano stava cercando di portare in Svizzera e la Ferrari Spider immatricolata in un Paese extra UE ma circolante nel territorio dell'Unione.

Sequestro di valuta


Alla dogana hanno anche verificato i microchip degli animali da compagnia in base al Regolamento Ue 576/2013. Tutti i 19 controlli sono risultati conformi.

I diversi controlli svolti nel corso del 2022 hanno portato a sanzioni per 90mila euro totali.

«Il proficuo lavoro svolto rappresenta una concreta dimostrazione della costante attività di prevenzione e repressione posta in essere dall’Agenzia Dogane e Monopoli e dalla Guardia di Finanza negli spazi doganali terrestri», il commento del Comando della Gdf di Aosta al bilancio dell'attività compiuta.

 

 

M.C.

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2023 Aostaoggi.it