Aosta, medico condannato per una diagnosi sbagliata

Assolto il secondo medico coimputato

Tribunale-ingressoAOSTA. Si è concluso con una condanna e una assoluzione il processo con rito abbreviato in Tribunale ad Aosta che vedeva imputati due medici per un'errata diagnosi.

I fatti risalgono al luglio 2013 e coinvolgono un bambino di 5 anni con una frattura al braccio provocata da una caduta in un'area giochi di La Salle che, secondo l'accusa, il medico condannato sottovalutò. Fu deciso di applicare il gesso per 20 giorni, ma le successive visite fatte dal giovanissimo paziente una volta rientrato a casa a Roma fecero emergere la "sindrome di Volkmann".

Accusata di lesioni personali colpose, l'allora ortopedico del pronto soccorso di Aosta Teresa Benigno è stata condannata a 20 giorni di reclusione con sospensione della pena subordinata al pagamento di una provvisionale di risarcimento di 30.000 euro alla famiglia (parte civile nel processo). E' stato invece assolto "per non aver commesso il fatto" il medico ortopedico Ulisse Brait che visitò il bambino il giorno della caduta.

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it