Terremoto nel Centro Italia: almeno 24 i morti


Case crollate, ospedali inagibili, strade ostruite dalle macerie in diversi paesi. La scossa principale alle 3.36 in provincia di Rieti

Palazzi crollati, strade invase da macerie, ospedali inagibili, paesi semidistrutti: sono immagini devastanti quelle che in queste ore stanno arrivando dalle località colpite dal forte di terremoto di questa notte.

La terra ha tremato la prima volta alle 3.36: una scossa di magnitudo 6.0 con epicentro ad Accumoli, in provincia di Rieti, avvertita da Rimini fino a Napoli e, sulla costa occidentale, anche a Roma. Un'ora dopo sono state registrate altre due scosse di magnitudo 5.1 e 5.4, alle 04:32 e alle 04:33 rispettivamente, a 5 km da Norcia (Perugia). Non si contano le decine di scosse più lievi che si susseguono ora dopo ora tra le province di Rieti, Ascoli Piceno e Perugia.

terremoto-centroitalia16bI soccorsi ancora non sono riusciti a raggiungere tutti paesi colpiti per colpa di ponti a rischio crollo, gallerie instabili e di strade ostruite dagli edifici crollati. Sin da subito è stato comunque chiaro che c'erano delle vittime. Il bilancio del tutto provvisorio è di 24 morti e un numero ancora impossibile da stimare con precisione di feriti. Nemmeno sui dispersi esistono ancora stime dettagliate.

I soccorritori della Protezione civile, sin da subito attivata, stanno estraendo dalle macerie persone ancora vive e stanno cercando quelle ancora sepolti sotto le case crollate. Parallelamente si sta lavorando per ripristinare le linee telefoniche ed elettriche nelle aree colpite dalle scosse e per trovare una sistemazione agli sfollati.


Clara Rossi

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it