Fénis, spese in aumento: per gli investimenti si correrà anche ai dividendi dell'idroelettrico

Sul fronte Covid-19 il sindaco Nicoletta ha chiesto ai consiglieri di aiutare nella distribuzione dei saturimetri dopo il furto avvenuto durante il trasporto della prima consegna

 

Consiglio comunale di Fénis

FENIS. I consiglieri comunali di Fénis sono stati chiamati dal sindaco Mattia Nicoletta ad aiutare nella distribuzione dei saturimetri per i cittadini ultrasessantacinquenni. Ieri, durante i lavori del consiglio comunale, il primo cittadino ha chiesto la disponibilità dei componenti dell'aula per le operazioni di consegna delle apparecchiature. Come spiegato da Nicoletta, la prima spedizione è stata oggetto di furto durante il trasporto e la consegna è così arrivata a ridosso delle festività.

Nelle sue comunicazioni il sindaco ha anche annunciato che la microcomunità di località Chez Sapin è Covid-free. Dieci ospiti della struttura sono però morti in questa seconda ondata di contagi.

Durante la seduta l'aula ha esaminatoil Dup e il bilancio di previsione del triennio 2021/2023 che per il primo anno pareggia a 4,3 milioni di euro. Il documento evidenzia un aumento delle spese correnti (2,8 milioni) e spese correnti per poco più di 1 milione. Per gli investimenti strategici il Comuen ricorrerà all'avanzo di amministrazione e ai dividendi delle centraline idroelettriche. Sul capitolo entrate, la maggior parte proviene da trasferimenti dello Stato e della Regione. Un'altra parte proviene dagli utili 2019 (in parte già incassati quest'anno) della società Hydroélectique Clavalité.

I lavori di sono conclusi con l'approvazione del progetto sperimentale Boudza-té 2021 per incentivare la mobilità sostenibile. "Abbiamo deciso di aderire in questo momento, dopo che ci siamo dotati dell’infrastruttura della pista ciclabile che attraversa il territorio per intero, dunque gli aderenti al progetto potranno muoversi in sicurezza", ha spiegato l'assessore Ennio Cerise. Il progetto si svolgerà dal 15 marzo al 15 novembre 2021. Saranno riconosciuti 0,25 centesimi di euro per ogni km percorso per recarsi al lavoro o a scuola. Il limite mensile è di 60 euro e quello quotidiano di 5 euro. 

 

 

redazione

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it