Filcams Cgil: chiesta cassa integrazione in deroga per 134 dipendenti del Carrefour di Pollein

Buillet: per lavoratori difficoltà nel mantenere un tenore di vita ormai di sussistenza

 

CarrefourAOSTA. La Società Sviluppo Comemrciale Srl che gestisce l'ipermercato Carrefour di Pollein ha "inviato la richiesta di consultazione sindacale a livello nazionale, così come richiesto dalla normativa, per attivare la procedura di Cassa Integrazione in Deroga su 8 Regioni, tra cui la Valle d'Aosta". Lo riferisce Isabelle Buillet della Filcams Cgil valdostana spiegando che "per la nostra regione la procedura riguarda, dichiarato dall'azienda, 134 dipendenti, per un totale di 6916 ore complessive, su meno di 200 dipendenti occupati".

"La profonda crisi economica, mai finita in Valle, e l'aggravarsi della stessa, legata alla pandemia" si "ripercuote ora inevitabilmente anche sulle attività indispensabili come la vendita di generi alimentari", evidenzia Buillet. "La preoccupazione per i redditi dei lavoratori è grande, in quanto questo comporta una difficoltà nella difficoltà nel mantenere un tenore di vita ormai di sussistenza, impedendo così, anche in una eventuale fase 2, la ripresa minima economica regionale, dove riapriranno e con tutte le precauzioni del caso, delle attività. Ma è chiaro come non tutte le famiglie abbiano la stessa capacità di spesa".

La responsabile regionale di Filcams Cgil ricorda "con che celerità sono stati esauriti i fondi comunali di Aosta per quanto concerne i buoni spesa, infatti non si è riusciti a stare al passo di tutte le domande pervenute e inevitabilmente sono state rifiutate quelle che continuavano ad arrivare".

L'unica "nota positiva" citata da Isabelle Buillet è l'indennizzo deilberato ieri dalla Regione "per le badanti/colf che ad oggi erano esclusi da qualsiasi ammortizzatore sociale, recependo così le sollecitazioni arrivate dal nostro Sindacato".

 

Clara Rossi

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it