2 Giugno, il centrodestra valdostano manifesterà in piazza Roncas

Pin It

Forza Italia e Fratelli d'Italia: migliaia di valdostani ignorati dalla Giunta Testolin

 

AOSTA. Domani, 2 giugno, anche il centrodestra valdostano scenderà in piazza ad Aosta per la manifestazione promossa a livello nazionale in occasione della Festa della Repubblica. Sarà però una protesta diversa da quella annunciata nei giorni scorsi dalla Lega VdA.

Mentre la Lega sarà in piazza Chanoux alle 18, la manifestazione del centrodestra si svolgerà alle 10 in piazza Roncas per "dare voce ai milioni di italiani inascoltati dal Governo Conte e dimenticati dai suoi provvedimenti".

"Abbiamo deciso di aderire convintamente all'iniziativa - dichiarano i coordinamenti di Fi e Fdi - perché crediamo che la Festa della Repubblica, mai come quest'anno, debba essere la Festa di tutti gli italiani, che nonostante l'isolamento, lo sconforto, il dolore e i lutti patiti nei mesi scorsi, hanno dimostrato una grande voglia di non arrendersi e di ripartire. In poche parole, hanno dimostrato una grande voglia di tornare a vivere. La manifestazione sarà una manifestazione simbolica, come è giusto che sia in questo periodo, senza assembramenti, nel pieno rispetto delle misure di distanziamento richieste dalle norme anti-contagio da Covid-19".

"Anche la scelta della piazza ha un significato fortemente simbolico - affermano ancora i due partiti -, perché abbiamo deciso di andare ai margini del centro storico di Aosta, laddove il tessuto economico era in sofferenza già prima dell'arrivo dell'emergenza sanitaria. Perché se è vero che milioni di italiani sono stati finora dimenticati dai provvedimenti del Governo Conte, è altrettanto vero che decine di migliaia di valdostani sono stati finora ignorati dalla Giunta Testolin, molto più impegnata a promettere, ad annunciare e ad autocelebrarsi che non ad aiutare concretamente famiglie, imprese e lavoratori con le uniche due cose che a oggi servirebbero: soldi in tasca e investimenti! I valdostani meritano ben altro", concludono.

 

C.R.

 

 

© 2020 Aostaoggi.it