Edilizia, Marzi: investimenti pubblici e semplificazione per rafforzare il settore

L'assessore regionale delle Opere pubbliche ha partecipato nei giorni scorsi alla riunione della Consulta dei lavori pubblici

 

ediliziaAOSTA. "Con un forte impegno nella discussione, al di là delle singole posizioni rappresentate, è possibile individuare le azioni più utili per fronteggiare questi momenti di crisi". Così l'assessore regionale alle Finanze e Opere pubbliche, Carlo Marzi, a proposito dell'ultima riunione della Consulta dei lavori pubblici avvenuta nei giorni scorsi.

Imprese edili, artigiani, professionisti e sindacati si sono confrontati con gli enti locali e con la Regione per discutere della difficile situazione del settore.

L'assessore Marzi ha parlato della "volontà di accrescere l'attenzione del governo regionale sulle questioni del settore dell’edile, che ha sempre costituito un importante volano di sviluppo economico e di opportunità per le imprese locali, operando insieme per individuare gli interventi possibili e più efficaci per invertire la spirale di crisi. La situazione economica, anche a causa del Covid, rende maggiormente difficoltoso l’intervento pubblico - ha spiegato il titolare delle Opere pubbliche -, ma è possibile individuare azioni mirate volte a rafforzare il settore".

Due le soluzioni citate: investimenti pubblici da una parte e dall'altra "misure di semplificazione amministrativa degli interventi edilizi privati, come quelli, ad esempio, già previsti nell’ambito del disegno di legge collegato al bilancio regionale in corso di esame da parte del Consiglio regionale".

"Con l'avvio della nuova legislatura regionale e delle consiliature in 67 Comuni - ha dichiarato ancora l'assessore Marzi - il governo regionale intende alimentare il sistema dell’edilizia con significativi finanziamenti nel corso dei prossimi anni, individuando con la partecipazione dei Comuni le esigenze finalizzate alla realizzazione di opere pubbliche rispondenti alle necessità nonché per rafforzare le infrastrutture sul territorio".

 

 

redazione

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it