REGIONALI   SPECIALE ELEZIONI  COMUNALI

La Cei a Renzi: Basta slogan, si pensi alle persone

AOSTA. Nel pieno della sua "missione" americana, il premier Matteo Renzi deve fronteggiare un attacco imprevisto da un fronte che è stato finora molto indulgente con lui: quello della gerarchia ecclesiastica.

Il segretario generale della Cei, Nunzio Galantino, ha usato parole severe nei confronti dell'operato del governo, chiedendo che si smetta con gli «slogan»: «La Chiesa – ha detto - pensa che bisogna guardare con più realismo alle persone che non hanno lavoro e che cercano lavoro. Il dibattito su "art.18 sì, art.18 no" è meno centrale e io vi vedo troppe bandiere che sventolano: i sindacati guardino oltre: temo che se il problema è affrontato in questi termini, ci saranno morti dall'una e dall'altra parte senza risolvere il tema del lavoro. Liberarsi dal conservativismo – ha aggiunto - consentirebbe ai sindacati di badare più ai contenuti che a tenere altro il numero dei propri iscritti».

Poco prima dagli Usa Renzi, incontrando la comunità italiana di New York, ha garantito che sul lavoro «non ci sarà alcun pasticcio, faremo una riforma fatta bene che sarà degna di questo nome. Per tornare a fare l'Italia siamo pronti, se servirà, a fare battaglie in Parlamento e a sfidare i poteri forti, anche se più dei poteri forti temo i pensieri deboli».

 

Clara Rossi

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it