Consiglio Valle, ok alle petizioni su aule studio e dossier sanità

Le due iniziative popolari saranno approfondite dalle Commissioni consiliari prima dell'esame in aula

 

Consiglio regionale della Valle d'AostaAOSTA. L'Ufficio di presidenza del Consiglio Valle ha dichiarato l'ammissibilità di due petizioni popolari depositate lo scorso mese. Il passaggio è necessario per consentire alle due iniziative di iniziare l'iter di valutazione e approfondimento.

La prima petizione, promossa dal Coordinamento Giovanile Valdostano e firmata on line da 15.000 persone, chiede l'apertura di aule studio nella città di Aosta. La V Commissione consiliare "Servizi sociali" si occuperà di analizzare l'argomento prima della discussione finale in aula.

L'altra petizione, partita dal Comitato ValléeSanté e sottoscritta da 585 cittadini, riguarda il "Progetto salute 2030: tre fasi per una sanità valdostana moderna ed efficiente". Gli approfondimenti sul dossier saranno effettuati dalla III Commissione "Assetto del territorio" e dalla V Commissione "Servizi sociali".

L'iter prevede che, entro novanta giorni dalla presentazione della petizione, l'argomento e le conclusioni delle Commissioni siano esaminati dall'aula. Il Consiglio regionale potrà quindi approvare una risoluzione per sensibilizzare gli organi competenti a farsi carico delle richieste formulate.

 


E.G.

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it