.

Decreto riaperture, ok in Conferenza delle Regioni a 2 proposte della Valle d'Aosta

Uno dei due emendamenti propone di eliminare l'automatismo della zona rossa oltre i 250 contagi su 100.000 abitanti

 

AOSTA. Il solo superamento dei 250 casi di contagio da Covid-19 per 100.000 abitanti potrebbe non comportare più automaticamente l'ingresso di una regione in zona rossa. Lo prevede un emendamento al Decreto Riaperture che, secondo quanto riferito dall'assessorato regionale alla sanità, è stato proposto dalla Valle d'Aosta e accolto dalla Commissione Salute della Conferenza della Regioni e Province autonome.

Più nel dettaglio l'emendamento prevede che "possa venir meno l'automatismo dell'introduzione della zona rossa legata al solo valore numerico dei 250 casi per 100.000 abitanti, nei casi in cui gli altri indicatori di monitoraggio (come ad esempio l’RT puntuale) siano compatibili, invece, con uno scenario di tipo 1 (basso rischio)". 

Un secondo emendamento anch'esso approvato dalla Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, che si spera sia inserito nel decreto in fase di conversione, fa riferimento alle recenti decisioni del Parlamento europeo e chiede di estendere da 6 a 12 mesi la validità del green pass per coloro che hanno completato il ciclo vaccinale contro il Sars-Cov-2.

"Confidiamo - dice l'assessore regionale alla sanità, Roberto Barmasse - che gli emendamenti da noi proposti e approvati in Commissione Salute riescano a ottenere quell’occhio di riguardo che il nostro contesto regionale, così specifico, merita. Contesto che non sempre consente di applicare tout court le norme approvate a livello nazionale, senza che questo comporti penalizzanti ripercussioni per la nostra realtà".

 

 

E.G.

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it