.

Secondo assestamento di bilancio, ok del Consiglio regionale

L'opposizione si astiene, dalla maggioranza Erika Guichardaz e Minelli la loro posizione sull'ampliamento del Parini

 

Consiglio regionale

A maggioranza, con l'astensione dei gruppi di opposizione, il Consiglio regionale della Valle d'Aosta oggi ha approvato i disegni di legge sul secondo assestamento di bilancio e sulle disposizioni collegate all'assestamento. Nove gli emendamenti approvati.

Il presidente della II Commissione Antonino Malacrinò (Pcp) ha ricapitolato i contenuti dei provvedimenti. Il secondo assestamento di bilancio «prevede l'applicazione della quota di avanzo libero che ammonta a 72 milioni di euro. Di questi, circa 16 sono destinati a favore dei Comuni per spese correnti e investimenti». Il relatore ha posto l'accento sulle disposizioni «a favore di famiglie, anziani e disabili. In particolare, sono stanziati 3 milioni 470 mila euro a favore di gestori e famiglie per servizi di prima infanzia. Vi è poi uno stanziamento di 450 mila euro per l'abbattimento di barriere architettoniche e acquisto di ausili anche per uso privato, oltre che un maggior onere per 400 mila euro per contributi alle famiglie per il pagamento delle rette in strutture socio-sanitarie. Sono anche previsti contributi per 300 mila euro volti all'inclusione sociale di soggetti con fragilità socio-economica, 335 mila euro per l'acquisto di servizi di assistenza sempre a favore delle famiglie, 487 mila euro per il bando affitti, 4 milioni 520 mila euro per interventi di edilizia scolastica. Crediamo - ha aggiunto Malacrinò - che questa nuova norma, dopo gli interventi messi in campo con il primo assestamento, possa contribuire a dare fiducia e speranza alla nostra comunità.»

Sulle disposizioni collegate all'assestamento il rappresentante della maggioranza ha indicato la «necessità di adeguare le norme regionali a modifiche introdotte da normative statali. Tra gli altri, viene ridotta la percentuale minima di personale che presta attività in modalità agile; è previsto nei complessi ricettivi all'aperto un aumento del numero di vani mantenendo invariata la superficie massima ammissibile; è introdotta la figura di direttivo amministrativo dell'Office régional du tourisme; sono disposti contributi in materia di agricoltura per le imprese del territorio regionale per l'organizzazione e la partecipazione a fiere e rassegne». Ancora Malacrinò ha spiegato: «è previsto che gli enti locali possano trasferire i propri beni all'Azienda Usl; sono modificate le disposizioni in materia di prevenzione del gioco d'azzardo patologico per poter attingere a specifici fondi a contrasto del fenomeno; vengono attualizzati gli importi dei contratti per consentire un più agevole svolgimento delle procedure del Consorzio pesca.»

Per la minoranza, Mauro Baccega (Pour l'Autonomie) ha espresso il sostegno alle misure per le famiglie e le diverse categorie, ma non «su altri aspetti che puntavano solo a amplificare il dibattito». Per questo motivo il voto è stato di astensione.

Infine dalla maggioranza è arrivato il distinguo della capogruppo del Pcp Erika Guichardaz per ribadire «la mia contrarietà e quella della collega Minelli al progetto di ampliamento del Parini e l'ulteriore ristrutturazione dell’ex Mauriziano senza un approfondimento che chiarisca i problemi evidenziati durante le audizioni in quinta Commissione».

 

 

E.G.

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it