.

Gestione dei rifiuti speciali, l'assemblea Cpel si astiene sulla proposta Pcp

Lungo dibattito sulla proposta condivisa a livello di principi ma ritenuta «tardiva»

 

L'Assemblea del Consiglio permanente degli enti locali ha deciso di astenersi sulle disposizioni in materia di rifiuti e di rifiuti speciali contenute nella proposta di legge n. 45/XVI depositata in Consiglio Valle a novembre dal Progetto Civico Progressista.

Pur condividendo «i principi e i criteri riportati nella proposta di legge», il parere dell'Assemblea è che la norma sia «tardiva» e che il suo recepimento «comporterebbe un ulteriore allungamento dei tempi di approvazione del nuovo Piano rifiuti». Quello che al momento serve, secondo gli enti locali, è l'inserimento nel Piano regionale dei rifiuti di «maggiori indicazioni in merito alla gestione dei rifiuti speciali, e particolarmente dei rifiuti speciali inerti» come d'altronde i SubAto e alcune amministrazioni avevano già evidenziato. Indicazioni contenute in osservazioni al Piano che «se recepite, potrebbero consentire di adeguare i contenuti del documento ai principi enunciati all'interno della proposta di legge».

In caso contrario, cioè se il nuovo Piano di gestione regionale dei rifiuti «non recepisse le suddette osservazioni», l'Assemblea del Cpel «richiede di dare immediato avvio ad un iter per procedere ad un ulteriore aggiornamento finalizzato a recepire i contenuti della proposta» di legge.

La proposta, lungamente dibattuta, ha comunque incassato il voto positivo dei Comuni di Aymavilles, Champdepraz, Issogne, Jovençan, Morgex, Quart e Villeneuve.

 


Elena Giovinazzo

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2021 Aostaoggi.it