Rifiuti, approvato un documento su tariffazione puntuale e raccolta dell'umido

In Commissione consiliare continua il confronto politico sulla gestione dei rifiuti in Valle

Cassonetti-rifiutitantiAOSTA. Attivare sistemi di tariffazione puntuale basati sulla produzione effettiva di rifiuti e avviare la raccolta differenziata dell'organico in forma domiciliare. Questi gli impiegni chiesti all'assessore regionale all'ambiente nel documento approvato dalla commissione consiliare "assetto del territorio" riunita ieri per continuare il confronto politico sulla gestione dei rifiuti in Valle d'Aosta.

«La Commissione ha ritenuto necessario di dare corso alla revisione dei flussi di raccolta dei rifiuti urbani cogliendo le opportunità offerte dai nuovi accordi con gli appositi consorzi nazionali per la raccolta, il riciclo ed il recupero dei rifiuti» dice il presidente della Commissione, Stefano Borrello (SA).

La riunione della Commissione era allargata alle forze politiche non rappresentante al suo interno.

«Come gruppo UV, abbiamo ribadito la volontà di partire da subito con la raccolta dell'umido, che ci permetterà di raggiungere alti livelli di raccolta differenziata» spiegano David Follien, Claudio Restano e Giuseppe Isabellon.

Da parte dell'Uvp i consiglieri Alessandro Nogara e Vincenzo Grosjean affermano che in futuro «sarà importante premiare i cittadini virtuosi e ridurre al minimo il rifiuto in coerenza con la strategia "Rifiuti Zero". Auspichiamo inoltre che si arrivi entro un limite accettabile alla definizione di un unico Ambito territoriale ottimale (Ato) regionale per la gestione dei rifiuti».

«Riteniamo che non si possa più aspettare a dare un segnale concreto alla popolazione per confermare le intenzioni dell'Amministrazione - dichiara Fabrizio Roscio (Alpe) -. La raccolta dell'umido in tutta la Valle e la semplificazione delle raccolte sono il primo passo per condurre la nostra regione verso traguardi più ambiziosi. La Commissione dovrà comunque continuare a seguire il percorso che porterà all'approvazione del nuovo piano di gestione» dei rifiuti.

Soddisfazione da parte del PD-SVdA perché il documento approvato «è un passo avanti importantissimo per la strategia "Rifiuti Zero" su tutto il territorio della Valle d'Aosta» dice il capogruppo Raimondo Donzel. «Vigilare sulla fase applicativa sarà fondamentale per evitare che gli errori del passato incidano sulle bollette».

Meno soddisfatto Roberto Cognetta (M5s). «La nostra preoccupazione - spiega - è focalizzata sulla gestione sia della raccolta sia del conferimento dei rifiuti, per la quale non si è dato un chiaro indirizzo politico. Noi vorremmo una gestione dei rifiuti completamente pubblica».

 

E.G.

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it