Forestali, l'opposizione critica la Giunta regionale: "decisioni miopi"

Nota congiunta di Uvp, Alpe e M5s sul disegno di legge sulla Salvaprecari all'esame delle Commissioni

AOSTA. "Ancora una volta, decisioni importanti che coinvolgono direttamente il futuro di lavoratori, che da almeno un decennio prestano la loro opera al settore, senza prospettive di stabilizzazione, vengono prese a tavolino, in modo miope ed estemporaneo, non essendo neanche esplicitate nel testo di legge le finalità". Lo scrivono Uvp, Alpe e M5s in una nota congiunta riguardo al disegno di legge che affida alla società "Salvaprecari" la competenza sul personale che si occupa di progettazione e direzione tecnico-amministrativa per la forestazione.

Il testo è all'esame delle Commissioni consiliari che oggi hanno audito le organizzazioni sindacali. I sindacati, riferiscono i tre gruppi di opposizione, hanno giudicato la soluzione proposta dal governo regionale "la peggiore possibile" ma soprattutto hanno "dichiarato di non essere mai stati consultati preventivamente dall'assessore all'agricoltura in merito al disegno di legge".

"Ancora una volta dobbiamo prendere atto, senza nemmeno stupirci, del modus operandi della maggioranza", si legge nella nota, e "non stupisce nemmeno più il fatto che a una precisa richiesta della Commissione non giunga risposta. Non è infatti pervenuto il parere legale richiesto in riferimento alla possibilità di stabilizzazione dei 36 impiegati forestali, atto imprescindibile per determinare il percorso migliore".

"Se la rotta non verrà invertita, il rischio è che si prospetti una ulteriore scellerata operazione a danno dei lavoratori del settore", concludono Uvp, Alpe e M5s.

 

Elena Giovinazzo

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it