La Aisico apre una sede operativa in Valle d'Aosta

 

Nell'ex Zincocelere svilupperà un'attività di ricerca su droni e sistemi aeromobili di pilotaggio remoto

dronePONT-SAINT-MARTIN. La Aisico di Roma aprirà in Valle d'Aosta una propria sede operativa, a Pont-Saint-Martin. La società che opera nel settore della sicurezza stradale ha scelto l'ex Zincocelere, immobile di proprietà regionale nell'area ex Ilssa Viola, e ieri la Giunta regionale ha autorizzato Vallée d'Aoste Structure a stipulare il contratto di locazione.

"In questo stabile - spiega l'assessorato regionale delle Attività produttive - la società intende sviluppare una branca della propria attivitùà di ricerca scientifica e di sviluppo dell'area tematica dei Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto (Sapr) e nell'industrializzazione dei risultati, sviluppando un sistema per rilievi fotogrammetrici multi-sensore da velivoli Uav (Unmanned Aerial Vehicle), più comunemente noti come "droni", per la modelizzazione ed il monitoraggio in remoto delle infrastrutture di trasporto. Le immagini aeree così acquisite - continua l'assessorato -, una volta elaborate, possono restituire Ortofoto, modelli tridimensionali, Dem (Digital elevation model), Dsm (Digital surface model), Dtm (Digital terrain model), curve di livello e textures, elementi indispensabili per effettuare misure e monitoraggi, fornendo ad ogni tipo di progetto ambientale strumenti all'avanguardia per lo sviluppo".

L'insediamento nell'area produttiva fa seguito all'avvio del "progetto Dsm" finanziato dalla Regione e legato all'utilizzo di droni in zone non raggiungibili per individuare eventuali difetti o situazioni di degrado delle infrastrutture e delle galelrie e per monitorare zone soggette a frane lungo strade e ferrovie.

 

Elena Giovinazzo

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it