Idroelettrico, anticipato il termine di applicazione delle limitazioni sulle nuove concessioni

 

Data anticipata al 31 gennaio 2016 dopo un ricorso presentato al Tribunale superiore delle acque pubbliche

Acqua-torrenteAOSTA. I termini di applicabilità delle limitazione sul rilascio delle nuove concessioni di derivazione dell'acqua ad uso idroeletrico scadranno il 31 dicembre 2016 anziché il 31 dicembre 2017. La delibera che anticipa di un anno la scadenza, ma conferma dunque la moratoria, è stata approvata lo scorso venerdì dal governo valdostano, che spiega: "la decisione si è resa necessaria in seguito ad un ricorso presentato al Tribunale Superiore delle Acque pubbliche e ad alcuni rilievi posti dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in seguito a un esposto, e che ha portato, il 22 gennaio scorso, a un incontro a Roma, richiesto dalla Regione, in cui sono stati forniti  tutti gli elementi tecnici richiesti a chiarimento della posizione regionale".

Le modifiche riguardano in particolare alcuni casi di inapplicabilità del divieto di rilascio di nuove subconcessioni e la disciplina particolare delle sanzioni. La stessa delibera comunque conferma le limitazioni al rilascio di nuove concessioni di derivazione ad uso idroelettrico di cui alla precedente deliberazione n. 1436/2015 a favore degli interventi di potenziamento e del co-utilizzo delle acque dalle derivazioni esistenti.

L'Amministrazione regionale precisa comuinque di voler "assicurare la tutela e la gestione integrata di tutti gli usi delle nostre risorse idriche con l'aggiornamento del Piano Regionale di Tutela delle Acque (PTA) che, approvato nel 2006 con deliberazione del Consiglio regionale, definisce gli obiettivi di qualità ambientale dei corsi d'acqua superficiali valdostani e gli interventi volti a garantire il loro raggiungimento o mantenimento, le misure di tutela qualitative e quantitative tra loro integrate e coordinate per bacino idrografico, sulla base dell’analisi delle caratteristiche del bacino idrografico stesso e dell'impatto esercitato dalle attività antropiche".

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it