Agricoltura, da Finaosta anticipati contributi per 500mila euro

 

L'assessore Testolin: "chiesto ad Agea rispetto tempistiche". Alpe: "dati dimostrano inutilità dello strumento"

AOSTA. Sono più di duecento le richieste presentate dalle aziende agricole valdostane per l'anticipazione dei contributi non ancora erogati da Agea. La misura permette agli imprenditori di incassare in anticipo il 90 per cento del contributo presentando un'apposita certificazione del diritto ad incassarlo.

Rispondendo ad una interrogazione di Alpe in Consiglio Valle, l'assessore all'agricoltura Renzo Testolin ha riferito che nel 2015 le richieste presentate sono state 201, di cui 32 a valere su garanzia Finaosta, e altre 16 se ne sono aggiunte nell'anno in corso, 10 delle quali a valere su Finaosta. Sfiora il mezzo milione di Euro (496.000 Euro per la precisione) il valore delle fidejussioni concesse dalla società finanziaria regionale.

«Per quanto concerne l'annualità 2015 relativa alle misure "ex verde agricolo" previste dal PSR 2014-2020 - ha spiegato poi Testolin -, le ultime rassicurazioni avute da Agea, anche a seguito del recente incontro del 7 settembre, vanno nell'ottica di addivenire al rilascio delle applicazioni necessarie all'autorizzazione dei pagamenti entro fine mese, fatta salva la fornitura dei dati da parte della Banca dati sulla zootecnia (BDN). In questi giorni abbiamo sollecitato con forza la stessa Agea al rispetto delle tempistiche a suo tempo prospettate, dichiarandoci ancora una volta disponibili a fornire e certificare direttamente come Regione i dati non ancora trasmessi da Bdn ad Agea stessa».

Chatrian-albertx300Per l'annualità 2016 «segnalo come, ultimato il lavoro di predisposizione dei sistemi informativi effettuato sul 2015, lo stesso dovrebbe garantire l'erogazione dell'acconto 2016 entro il mese di novembre prossimo e il saldo dei pagamenti entro la primavera successiva» ha spiegato ancora l'assessore all'agricoltura prima di smentire l'ipotesi di rimozione del direttore di Area VdA.

Nella replica, il capogruppo di Alpe Albert Chatrian ha affermato che «la proposta messa in campo con Finaosta, sulla quale ci siamo opposti perché temevamo l'esito, non ha funzionato e i dati lo dimostrano: su 15 milioni di euro di annualità, le anticipazioni da parte di Finaosta ammontano a soli 490 mila euro, ossia solo il 3%, il che dimostra l'inutilità di questo strumento».

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it