Coronavirus, gli operatori valdostani dei bus turistici protestano: dalla Regione nessun aiuto concreto

 

Comitato bus turisticiAOSTA. Il settore valdostano del noleggio con autobus "è in ginocchio": la denuncia arriva dal rappresentante del Comitato bus turistici italiani della Valle d'Aosta, Jean-Pierre Calliera.

"Non c'è alcuna prospettiva per gli oltre 150 addetti del comparto del noleggio con autobus - afferma in una nota Calliera -. La Regione Valle d'Aosta non ha previsto al momento alcun intervento concreto, e alle aziende presenti sul territorio non resta che assistere al perdurare del blocco, iniziato il 10 marzo scorso, della totalità dei loro 100 veicoli, e a fare i conti con l'azzeramento totale di un fatturato che supera i 10 milioni di euro".

"Si tratta di una situazione a dir poco drammatica - aggiunge - che non presenta e non presenterà per lungo tempo segni di ripresa. Il periodo estivo è del tutto compromesso e le prenotazioni per la prossima stagione invernale sono del tutto assenti. Non parliamo poi dei tour e dei pellegrinaggi".

 

C.R.

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it