Valle d'Aosta, definito il calendario scolastico 2020/2021

 

scuolaAOSTA. La scuola prova a lasciarsi alle spalle l'emergenza Covid-19 e guarda al nuovo anno scolastico 2020/2021. Le lezioni inizieranno lunedì 14 settembre 2020 e terminerà l'8 giugno 2021 per quanto riguarda le scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado ed il 30 giugno per l'attività didattica ed educativa nelle scuole dell'infanzia. Le date sono stabilite dal calendario approvato oggi dalla Giunta regionale della Valle d'Aosta.

Domeniche a parte, il 1° novembre sarà il primo giorno di vacanza del nuovo anno scolastico, seguito dal ponte dell'8 dicembre che quest'anno cade di martedì (lunedì niente scuola dunque), dal periodo delle vacanze natalizie e di Capodanno dal 24 dicembre al 6 gennaio. Altre feste obbligatorie sono sabato 30 gennaio per la Fiera di Sant'Orso, le vacanze d'inverno dal 15 al 17 febbraio, le vacanze di Pasqua dall'1 al 6 aprile, il 2 giugno ed il giorno del Santo Patrono. 

Il calendario è già stato sottoposto al Consiglio scolastico regionale a metà giugno. L'organo, spiega l'assessorato regionale all'istruzione, ha "rilevato l'opportunità di avviare un confronto con gli enti locali al fine di individuare, quali sedi di seggio per le prossime elezioni, spazi differenti da quelli scolastici così da garantire un avvio regolare delle attività didattico-educative in tutti i gradi e ordini di scuola, tenuto conto anche che, sulla base delle attuali disposizioni igienico-sanitarie, sono necessari interventi di sanificazione dei locali per consentire il rientro degli alunni e del personale scolastico in sicurezza".

"Siamo tutti consapevoli che il prossimo anno scolastico sarà vissuto in modo diverso rispetto al passato poiché le misure anti Covid-19 impongono nuovi comportamenti anche all’interno della scuola - commenta l'assessore Chantal Certan - Nonostante ciò, il nostro obiettivo è quello di far ritornare docenti, alunni e famiglie a una nuova quotidianità, garantendo loro la massima sicurezza ma continuando a investire nelle relazioni e nei rapporti che l’emergenza sanitaria ha purtroppo compromesso".

 

Elena Giovinazzo

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it