.

Dpcm, slitta di un giorno l'entrata in vigore delle restrizioni

 

coronavirusAOSTA. Le misure più restrittive previste dall'ultimo Dpcm sull'emergenza Covid-19 ed anche il coprifuoco serale nazionale entreranno in vigore venerdì 6 novembre e non domani. "Tutte le nuove norme previste dall'ultimo dpcm - quelle riservate alle aree gialle, arancioni e rosse - saranno in vigore a partire da venerdì 6 novembre. Lo ha deciso il governo per consentire a tutti di disporre del tempo utile per organizzare le proprie attività", informa questa sera Palazzo Chigi.

Questo annuncio è l'ultimo passaggio, in ordine cronologico, di un travagliato mercoledì trascorso nell'incertezza più totale. L'individuazione dei territori da indicare come zone gialle, arancioni e rosse era attesa fin dal mattino però non c'è stata e le ore sono trascorse senza che venissero fugati i dubbi di cittadini, lavoratori, baristi e commercianti incerti su cosa avrebbero dovuto fare domani.

Nel tardo pomeriggio il presidente della Regione Erik Lavevaz aveva spiegato che in linea di massima le restrizioni più severe non sarebbero state attive già domani bensì "nei prossimi giorni" visto che dal Ministero della Salute, competente per le ordinanze dei territori previo confronto con i presidenti delle Regioni, non c'era stata ancora alcuna comunicazione.

Fino a questa mattina la Valle d'Aosta era considerata in bilico tra la zona arancione, che prevede restrizioni sugli spostamenti e chiusure delle attività di ristorazione, e quella rossa, in cui saranno vietati anche gli spostamenti interni e sono chiuse le attività commerciali ad eccezione dei negozi di alimentari e di farmacie. La collocazione nello scenario di alto o massimo rischio dipenderà anche dal periodo temporale che i tecnici prenderanno in considerazione per calcolare i 21 parametri di riferimento.

 


Marco Camilli

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it