.

Quattro volontari Anpas dalla Valle d'Aosta in missione per l'emergenza Ucraina

In Slovacchia hanno partecipato all'ampliamento del campo profughi per civili e bambini 

 

giocheria Anpas

L'Anpas Valle d'Aosta affronta la sua prima missione internazionale e lo fa in un teatro particolarmente difficile: quella dell'emergenza in Ucraina. Quattro volontari di protezione civile sono partiti alla volta della Slovacchia per contribuire all'accoglienza dei profughi che scappano dalla zona dell'attacco russo. Leonardo Benozzi dell'Odv di Valtournenche, Giuseppe Maggio dell'Odv di Charmporcher, Fausto Ramella dell'Odv di Gressoney e Andrea Toller dell'Odv di Châtillon sono stati al campo profughi di Evo a Vojani.

«L'iniziativa rientra in una serie di iniziative umanitarie portate avanti da Anpas nazionale subito dopo lo scoppio del conflitto in Ucraina (raccolta fondi e invio di mezzi, tra cui ambulanze, cucine da campo, materiali logistici e sanitari), sempre in stretto coordinamento con il Dipartimento di Protezione Civile nazionale», spiega il Comitato Anpas Valle d'Aosta.

I quattro volontari partiti dalla Valle d'Aosta hanno partecipato all'ampliamento del campo che ospita civili e bambini che hanno lasciato l'Ucraina.  

«Con l'allestimento della "giocheria" - dichiara ancora l'Anpas valdostana presieduta da Massimo Pesenti - i nostri volontari, insieme ai colleghi del nazionale (Anpas e Dipartimento di Protezione Civile) hanno cercato di portare un po’ di normalità e soprattutto "di normalità" ai bambini, tra le prime vittime innocenti e inconsapevoli di questo assurdo conflitto».

 

 

Clara Rossi

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2021 Aostaoggi.it