.

Covid, Sima lancia la campagna «Adotta una scuola» per migliorare la qualità dell'aria in classe

Aziende e privati potranno adottare una scuola della Valle d'Aosta per mitigare il rischio di contagi

 

Studenti

Parte in Valle d'Aosta la campagna "Adotta una Scuola" organizzata da Sima, la Società Italiana di Medicina Ambientale, in vista dell'inizio del nuovo anno scolastico. L'obiettivo è far cominciare le lezioni in sicurezza migliorando la qualità dell'aria negli edifici scolastici e rispettando le indicazioni per aiutare a ridurre i contagi da Covid-19 in classe.

«Sima intende fornire ai dirigenti scolastici della Valle d'Aosta le più dettagliate informazioni utili a decidere sulle tipologie e dimensionamento di dispositivi per il miglioramento della qualità dell’aria all’interno delle classi - spiega Alessandro Miani, presidente Sima - In pratica ogni scuola ubicata in regione potrà rivolgersi alla nostra società scientifica per manifestare il proprio interesse nella ricerca di aziende partner intenzionate a fornire gratuitamente (per gli Istituti pubblici) o a costo di produzione (per le scuole paritarie) tecnologie utili a migliorare i parametri di qualità dell'aria indoor e quindi a mitigare il rischio di contagio da Covid-19 tra studenti e docenti».

In questa iniziativa la Società Italiana di Medicina Ambientale «si farà garante nei confronti delle scuole per la qualità delle tecnologie e dei dispositivi forniti dalle aziende e dai privati che decideranno di adottare una scuola».

I dirigenti scolastici della Valle d'Aosta possono candidare la propria scuola per "l'adozione" e aziende e privati possono allo stesso modo aderire alla campagna.

«Gli studi condotti da Sima - prosegue il presidente Miani - hanno quantificato in valori inferiori all'1% il rischio di contrarre il Covid-19 laddove vengano mantenuti livelli di CO2 pari o inferiori a 700 ppm (parti per milione). I ricercatori del nostro comitato scientifico hanno elaborato uno schema di classificazione del rischio a livelli (da basso a molto elevato) con un sistema di visualizzazione basato sui colori del semaforo. Ad ogni livello di rischio corrispondono una serie di azioni da attuare per garantire un'adeguata ventilazione dell'aria indoor delle aule: variazione dei tempi e della frequenza di apertura di porte e finestre, modifiche dell'assetto delle aule (numero di studenti ammessi), nonché modifiche relative agli edifici come l'implementazione di sistemi di ventilazione meccanica e/o dispositivi di purificazione dell'aria».

 

 

Elena Giovinazzo

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2021 Aostaoggi.it