.

Vino, stime di produzione in aumento e di ottima qualità in Valle d'Aosta

Ricerca di Assoenologi, Unione Italiani Vini e Ismea prevede un +10% di produzione dai vitigni valdostani rispetto al 2021

 

Uva

La stagione della vendemmia è alle porte e per la Valle d'Aosta si prospetta una produzione in aumento rispetto allo scorso anno e anche di grande qualità. E' la previsione di Assoenologi, Unione Italiani Vini e Ismea frutto di una ricerca sull'andamento della produzione nelle regioni italiane.

In Italia «si è arrivati alla vigilia della vendemmia 2022 con grande apprensione a causa degli effetti, ormai cronici, dei mutamenti climatici che si manifestano con decorsi meteorologici molto incerti e spesso estremi, che hanno determinato, anche in territori limitrofi, importanti differenze qualitative e quantitative. A riportare la situazione su un piano decisamente più ottimistico sono arrivate le piogge di agosto che, in taluni casi, hanno cambiato radicalmente il quadro previsionale».

La produzione nazionale italiana è stimata in sostanziale pareggio rispetto al 2021 con 50.270 migliaia di ettolitri.

A livello regionale la Valle d'Aosta fa eccezione rispetto alle altre regioni del Nord Ovest. In Liguria è stimato un calo del 5 per cento, in Piemonte del 9 per cento e in Lombardia del 20 per cento mentre per la Valle d'Aosta è calcolato un aumento della produzione di vino e mosto pari al 10 per cento, circa 16mila ettolitri contro i 15mila dello scorso anno e della media 2017-2021.

L'andamento stagionale molto secco è stato per certi aspetti positivo perché ha limitato la presenza di parassiti e funghi. Inoltre, malgrado l'assenza di precipitazioni, la ricerca di Assoenologi, Unione Italiani Vini e Ismea non ha rilevato segnalazioni di particolari problematiche. Le grandinate avvenute tra fine giugno e inizio luglio, intense ma circoscritte, «non incidono in maniera significativa sulla produzione complessiva». Infine «il cambio climatico del mese di agosto ha riallineato l'anticipo di maturazione presente a fine luglio, ci si appresta alla vendemmia con delle stime superiori a quelle dello scorso anno». Il risultato di questa particolare estate è, almeno per le vigne della Valle d'Aosta, una produzione di qualità «ottima».

 

 

Elena Giovinazzo

 

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2022 Aostaoggi.it