Oggi è il

A rischio scioglimento per mafia i Comuni di Aosta e Saint-Pierre

  • Pubblicato: Sabato, 09 Novembre 2019 08:46

Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 
Pin It

A rischio scioglimento per mafia i Comuni di Aosta e Saint-PierreAOSTA.  E' durata circa tre ore la riunione di ieri del Cosp dedicata all'analisi della relazione prodotta dalle Commissioni d'indagine antimafia su possibili condizionamenti della 'ndrangheta nelle attività dei Comuni di Aosta e di Saint-Pierre, coinvolti nell'inchiesta Geenna dopo l'arresto di due ex assessori.

Il vertice del Cosp (Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica) si è svolto nella caserma dei carabinieri di Aosta presieduto dal presidente della Regione, Antonio Fosson, nelle sue funzioni di prefetto.

Stando a quanto riportato dall'Ansa Valle d'Aosta, le relazioni avrebbero evidenziato alcuni "aspetti di possibile negligenza in alcuni procedimenti della macchina politico-amministrativa del Comune di Aosta e profili di maggiore complessità in quella di Saint-Pierre". Per il capoluogo regionale in particolare sembra si siano verificate situazioni, subito bloccate, che "potevano essere percepite come pressioni per indirizzare l'azione dell'ente pubblico".

Dai contenuti delle relazioni dipenderà la possibile richiesta di scioglimento per mafia delle due amministrazioni comunali. Il presidente e prefetto Fosson dovrà completare la documentazione indicando gli eventuali appalti o contratti condizionati in qualche modo dalla criminalità organizzata o altre anomalie riscontrate e trasmettere il tutto entro due settimane al Ministero dell'Interno il quale dovrà a sua volta relazionare al Consiglio dei ministri. Sarà compito di quest'ultimo deliberare in merito all'eventuale scioglimento dei Comuni che potrà avvenire con decreto del presidente della Repubblica.

 

 

 

Marco Camilli

 

 

 

 

Altre news di cronaca

Pubblicità
Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075