Il sindaco di Nus indagato per l'autorizzazione a installare un padiglione sui terreni comunali

Le accuse sono di abuso d'ufficio e falso

 

Camillo RossetNUS. Un avviso di conclusione d'indagini è stato notificato al sindaco di Nus Camillo Rosset. Il primo cittadino del comune della media Valle è sospettato di abuso d'ufficio e di falso.

La prima accusa fa riferimento ad una delibera votata anche da Rosset che autorizzava il cugino ed ex consigliere regionale Paolo Contoz (non indagato) ad installare un padiglione su terreni di proprietà comunale applicando anche uno sconto sulle somme da pagare per l'occupazione del suolo pubblico. L'atto era poi stato revocato in autotutela.

Il falso riguarda presunti falsi verbali sulle presenze durante alcune riunioni del Consiglio comunale. Per questo è indagato anche il segretario comunale Alessio Ubaldo Cerise.

 

M.C.

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it